Salta navigazione.
Home

Cronaca

Il bambino siriano suscita forti reazioni in Svizzera

Swissinfo - Ven, 2016-08-19 11:40
L’immagine di un bambino di cinque anni estratto dalle macerie dopo i bombardamenti su Aleppo, sporco di sangue e con lo sguardo impietrito, ha suscitato forti reazioni in Svizzera. Anche quella del ministro degli affari esteri. «Vorrei prendere per mano questo bambino e dargli speranza», scrive sull’edizione odierna del quotidiano Blick il ministro svizzero degli affari esteri Didier Burkhalter. Riferendosi alle giovani vittime delle guerre, il ministro sottolinea che «bisogna dire loro che un mondo di pace è possibile, che ci impegniamo in favore di questo mondo e che abbiamo bisogno di loro per costruire tale mondo». L’immagine del piccolo siriano ricoperto di polvere e con il viso insanguinato, diventata l’ultimo simbolo della guerra in Siria, ha suscitato indignazione in tutto il mondo. Sopravvissuto a un bombardamento, il bambino è stato assistito in ospedale. È poi stato dimesso e ha potuto ritrovare la sua famiglia. «Per questo bambino, ...
Categorie: News Cronaca

TTIP, il trattato che fa paura anche in Svizzera

Swissinfo - Ven, 2016-08-19 09:00
Nei prossimi due mesi entrano nella fase decisiva i negoziati per il Partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP), il trattato di libero scambio tra UE e USA. L’accordo solleva contestazioni senza precedenti in Europa e suscita inquietudine perfino in Svizzera, che non partecipa alle trattative.  Di solito, i grandi trattati internazionali servono ad alleviare dei problemi e quindi anche dei timori. È il caso, ad esempio, degli accordi sul disarmo o sui cambiamenti climatici. Il TTIP, che dovrebbe essere concluso entro la fine di quest’anno, è invece fonte di grandi timori.  Dall’apertura dei negoziati, in Europa oltre 500 organizzazioni della società civile, partiti e sindacati hanno aderito a una campagna continentale di azioni e manifestazioni contro il trattato. La manifestazione più imponente ha riunito oltre 150'000 persone nell’ottobre scorso a Berlino. L’Iniziativa europea contro il TTIP, lanciata da questa coalizione senza precedenti, ...
Categorie: News Cronaca

Anche i "compagni" vogliono bandire il burqa

Swissinfo - Gio, 2016-08-18 14:45
In Svizzera, politici di destra hanno lanciato in marzo un’iniziativa popolare per l'introduzione di un divieto nazionale di dissimulare il viso. Negli ultimi giorni anche diversi esponenti del Partito socialista (PS) si sono schierati contro il burqa. Le loro dichiarazioni hanno sollevato un grande dibattito all’interno della sinistra.  Non sono assolutamente favorevole al burqa, indica la senatrice socialista Anita Fetz. “Non per questioni di femminismo, ma perché da noi vi è una cultura ‘face to face’. Il fatto di guardarsi in faccia fa parte della nostra comunicazione”.  Divieti del burqa in Europa  Nel marzo scorso, il cosiddetto Comitato di Egerkingen, formato da politici di destra, ha dato inizio alla raccolta delle firme per l’iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”. Finora il testo è già stato sottoscritto da oltre 30'000 aventi diritto di voto.  Lo stesso comitato aveva già lanciato l’iniziativa “Contro l’edificazione di ...
Categorie: News Cronaca

"I circoli elvetici devono integrare meglio i giovani"

Swissinfo - Gio, 2016-08-18 09:00
Dare più voce in capitolo alle nuove generazioni e adattarsi alle loro esigenze: è quanto chiede il Parlamento dei giovani svizzeri all'estero (YPSA) ai circoli elvetici nei vari paesi. Se questi non agiscono rapidamente, mettono a rischio il loro stesso futuro, avverte il network che interconnette i giovani svizzeri nel mondo. "Abbiamo bisogno di voi e contiamo su di voi", ha detto il ministro degli affari esteri Didier Burkhalter, rivolgendosi ai giovani espatriati, in occasione dei festeggiamenti per il centenario dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero (OSE), spronandoli a "contribuire alla società svizzera con le vostre idee e la vostra conoscenza del mondo". Se per il futuro della Confederazione l'apporto dei giovani svizzeri all'estero è importante, per l'avvenire dell'OSE e dei circoli elvetici è imprescindibile. Questo aspetto è del resto stato evidenziato dai vertici dell'OSE. Tant'è che il miglioramento dell'integrazione dei giovani nelle proprie ...
Categorie: News Cronaca

La Svizzera ha meno poliziotti rispetto ai paesi vicini?

Swissinfo - Mer, 2016-08-17 15:00
Dopo l’attacco avvenuto su un treno regionale nel cantone San Gallo, si sono moltiplicati gli appelli per rinforzare la sicurezza. Il dispositivo può forse essere migliorato, affermano alcuni, sottolineando però che non bisogna dimenticarsi di una cosa: il numero di poliziotti in Svizzera è proporzionalmente inferiore rispetto a quello dei paesi vicini. Vero o falso? Aumentare il numero di poliziotti ferroviari (300 attualmente), instaurare dei controlli all’entrata delle stazioni, generalizzare la presenza dei controllori nei convogli regionali, introdurre ogni sorta di strumento tecnologico: in questi giorni le proposte per rafforzare la sicurezza dopo quanto accaduto sabato non sono mancate. Intervistato dalla Radiotelevisione della Svizzera francese (RTS), il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet, responsabile del dipartimento della sicurezza cantonale, ha dal canto suo sottolineato che le autorità sono costantemente impegnate a cercare di migliorare il ...
Categorie: News Cronaca

La Svizzera tenta di rimettere in piedi il Kosovo

Swissinfo - Mer, 2016-08-17 09:00
Il Kosovo è un paese che si sta riprendendo dopo la guerra del 1999. L’alto tasso di disoccupazione e la povertà diffusa hanno però spinto numerosi kosovari a cercare fortuna all’estero. La Svizzera, assieme ad altri, sta tentando di invertire la tendenza e di sviluppare il mercato del lavoro interno. Funzionerà? A prima vista non è chiaro il motivo per cui la Svizzera continua a preoccuparsi per il Kosovo. Uscendo dal moderno aeroporto internazionale di Pristina si possono notare dolci colline verdeggianti e una colonna di taxi pronti a trasportare il visitatore su autostrade nuove di zecca. Il paese è in pace e ci sono pochi segni della distruzione avvenuta durante la guerra del 1999 che ha opposto cittadini di etnia serba e kosovari albanesi. Le strade piene di buchi e gli edifici devastati dai colpi di mortaio appartengono al passato. I minareti sono stati restaurati e il governo punta sul turismo. «Una destinazione emozionante» In Kosovo, il turismo non si sta ...
Categorie: News Cronaca

La Svizzera è campione del mondo sui binari

Swissinfo - Mer, 2016-08-17 06:48
Gli svizzeri rimangono campioni del mondo nella distanza percorsa in treno: nel 2015 hanno effettuato in media 2’277 km, 225 in più dei secondi classificati, i giapponesi. Le ragioni di tale successo sono molteplici. Il numero dei chilometri percorsi per abitante è leggermente diminuito in Svizzera (-11 km) rispetto al 2014, seguendo la tendenza già riscontrata l'anno scorso, ha reso noto il Servizio di informazione dei trasporti pubblici (LITRA). Ciò non è bastato però a scalzare la Confederazione dal primo posto della classifica, che occupa per il terzo anno consecutivo. Seguono il Giappone (2’052 km), l'Austria (1’361), la Francia (1’252) e la Danimarca (1’057). All'altro capo della classifica vi sono Spagna (558 km), Norvegia (594) e Svezia (644). Quanto al numero di spostamenti, al primo posto vi sono gli abitanti del paese del Sol levante (72 all'anno), seguiti da svizzeri (59, stesso numero che nel 2014), lussemburghesi (40) e danesi ...
Categorie: News Cronaca

Cinque motivi per cui la Svizzera è il paese più innovativo

Swissinfo - Mar, 2016-08-16 14:30
La Svizzera figura in prima posizione nell’indice mondiale dell’innovazione, stilato dall’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (WIPO). È il sesto anno consecutivo che la Svizzera si piazza a tale rango. Quest'anno la Svezia si trova al secondo posto, seguita dalla Gran Bretagna.  La classifica si basa su ben 82 indicatori, tra cui le istituzioni, il capitale umano, la ricerca, le infrastrutture, il grado di perfezionamento del mercato e delle imprese. La Svizzera si distingue particolarmente in quest’ultimo settore. Sono pure presi in considerazione il livello di conoscenze del personale, la tecnologia e la ricerca, i brevetti, i marchi e le esportazioni di prodotti creativi, come i film.  Come mai la Svizzera si situa al massimo rango nel campo dell’innovazione?  1. Un paese di inventori  La Svizzera ottiene ottimi risultati per quanto riguarda le domande di brevetti, dove figura addirittura in prima posizione tenendo conto del numero di abitanti.
Categorie: News Cronaca

Dei media di servizio pubblico forti sono un bene per la democrazia

Swissinfo - Mar, 2016-08-16 12:19
L’esistenza di mass media di servizio pubblico solidi e ben finanziati è un segno di una democrazia ben radicata. È una delle conclusioni a cui giunge uno studio condotto dall’Unione Europea di radio-televisione (UER). Lo studio Trust in Media 2016 si basa sui dati raccolti due volte all’anno nel quadro dell’Eurobarometro della Commissione europea. Il sondaggio viene svolto nei 28 paesi membri dell’UE e in cinque paesi candidati all’adesione (Serbia, Montenegro, Macedonia, Albania e Turchia). La prima constatazione da fare è che la radio, sia pubblica che privata, è al primo posto per quanto riguarda la credibilità. Su tutto il continente, il 55% degli intervistati ha dichiarato di avere fiducia in questo mass media. Il tasso è appena un po’ più basso nei Balcani, in Grecia e in Turchia. La televisione giunge in seconda posizione, con un indice di fiducia del 48%, seguita dalla stampa, col 43%. Tuttavia, il sud dell’Europa (Francia compresa) ha meno fiducia nella ...
Categorie: News Cronaca

Gio, 1970-01-01 00:00
Condividi contenuti